L’email marketing è uno dei canali più sottovalutati per migliorare i risultati del marketing del web e, in particolare, dell’e-commerce. Può essere utilizzato efficacemente non solo dalle aziende che vendono prodotti al dettaglio ma anche da tutte le altre, dalle startup a qualsiasi marchio che fa affidamento sull’attrattiva di massa. Le email sono efficaci nel vendere qualsiasi cosa, dai gadget tecnologici alle bevande, ai prodotti alla moda. Esistono strumenti di comunicazione automatizzati come ConvertKit o MailChimp che permettono di ottenere assistenza con questa forma di marketing personalizzata. Questi strumenti hanno funzionalità avanzate per inviare, tracciare e misurare le risposte di ogni campagna di email marketing.

L’automazione del marketing via email è l’applicazione della tecnologia per aiutare a inviare e-mail promozionali in modo più intelligente.

L’automazione delle promozioni nella posta in arrivo di un lettore è diversa dall’e-mail marketing di base. Consente l’invio automatico di e-mail nelle sequenze di follow-up e la commercializzazione di clienti mirati in base alle loro azioni.

Se non si dispone di una propria soluzione di automazione è possibile (e consigliabile) cominciare ad usare strumenti di terze parti come ConvertKit e gli altri descritti di seguito.

L’email marketing è così efficace e importante che Shopify la considera la chiave del successo dell’e-commerce. Secondo la nota società le e-mail hanno un ROI del 4.300%, oltre a un più alto valore di vita del cliente rispetto ad altri canali come ad esempio i social media. L’email aumenta il coinvolgimento ed è un canale di marketing molto personale.

Per accelerare il successo con l’automazione delle e-mail promozionali, implementa queste best practices per l’automazione della posta elettronica.

  • Utilizza la personalizzazione e le email contestuali per i migliori risultati
  • Per avere successo con l’invio di comunicazioni automatizzate, sii il più personale possibile.
  • Tratta i lettori come vecchi amici.
  • Prenditi cura della persona piuttosto che della vendita, e sii contestuale, per dare all’utente una ragione logica per l’email.

Ad esempio, se sei hai un negozio di e-commerce, conoscerai l’abbandono del carrello da parte dell’utente. Piuttosto che arrenderti quando un cliente abbandona il carrello a metà di un acquisto, è possibile inviare e-mail di promemoria per spingerlo, in modo amichevole, a completare l’acquisto. È possibile inviare e-mail ad intervalli per dire:

  • 12 ore – un promemoria amichevole sull’articolo che voleva acquistare
  • 3 giorni – un promemoria con una foto del prodotto con uno slogan per l’acquisto
  • 7 giorni – un altro promemoria che dice “compra adesso” – magari associando uno sconto mo un gadget.

L’automazione delle e-mail, con gli strumenti giusti, è efficace proprio grazie alle sue svariate possibilità di personalizzazione. Ricorda sempre: mai avere un approccio vago e generale! Sii sempre specifico con ogni cliente invece. La personalizzazione inizia con le informazioni di base, come il nome e il cognome. Quindi puoi passare al retargeting in base a comportamenti come acquisti di prodotti precedenti. Se qualcuno non ha ancora comprato applica il targeting comportamentale e il targeting basato sugli interessi per stimolarlo all’azione.

Quando si parla di segmentazione, è importante conoscere il pubblico del messaggio mirato. Ciò ti consente di creare appelli separati per ogni segmento rilevante della tua lista. Ad esempio, supponiamo che tu fornisca lezioni di danza. Puoi segmentare la tua lista principale in diversi segmenti, come ad esempio:

  • uomini di età superiore ai 40 anni
  • giovani donne 18-25
  • bambini 8-12

La segmentazione migliora le tue conversioni perché puoi indirizzare i tuoi messaggi in modo molto più corretto. Utilizza modelli separati per ogni segmento, considera gli specifici interessi del gruppo, usa un gergo specifico, illustrazioni e combinazione di colori che si sposano bene con l’identità del gruppo.
Per i bambini, potresti, forse, inviare un messaggio avvincente con animali divertenti che ballano insieme. Per il segmento con le giovani donne, sarebbe forse meglio fare appello ai benefici delle lezioni di ballo, come ad esempio la possibilità di incontrare il loro principe azzurro. Siate creativi e fate appelli specifici per gruppi specifici. Sarai stupito di come i tuoi risultati di promozioni via email possono migliorare drasticamente.

Scegli il servizio giusto per l’automazione del marketing via email:
Alcuni ottimi strumenti di automazione del marketing via email sono descritti di seguito come punto di partenza. Le preferenze di ogni marketer sono diverse, ma un buon software di email marketing dovrebbe darti la possibilità di caricare la tua lista, “pulirla” a determinati intervalli e impostare autorisponditori.

  • ConvertKit: questo strumento ti dà la possibilità di impostare quanti autorisponditori vuoi al prezzo di 29 dollari. ConvertKit ha una grande reputazione nel mercato per essere molto intuitiva e facile da usare.
  • ActiveCampaign è uno strumento per l’invio di e-mail che all’inizio offre una versione di prova gratuita. Si tratta di una soluzione davvero intelligente per l’email marketing che permette di iniziare completamente gratis.
  • GetResponse è uno strumento completo offerto al prezzo di 15 dollari. Include webinar, landing pages e altre funzionalità di marketing. I principianti potrebbero trovare la curva di apprendimento un po’ troppo ripida, ma i risultati meritano il tempo impiegato nello “studio”.
  • AWeber è ottimo nel creare una serie di autorisponditori. Se si dispone di una sequenza ottimizzata di e-mail, questo è lo strumento giusto per ottenere la deliverability necessaria e per visualizzare i risultati.

Ricordati però che per avere successo con l’automazione dell’email marketing, avrai bisogno di una strategia di promozione, il che va decisamente oltre la selezione di uno strumento.

Una strategia iniziale potrebbe essere quella di inviare e-mail una volta alla settimana con l’offerta della settimana dal tuo sito web. Ciò non è troppo invadente e dà valore poiché offre un’opportunità concreta ai destinatari anche se non favorisce molto la percezione del tuo marchio (brand) nel corso del tempo. Una seconda strategia potrebbe essere allora quella di inviare una carrellata di importanti notizie del settore una volta ogni due settimane. Inviate solo un’e-mail con grandi eventi/news, di cui la vostra lista sarà grata. Improvvisamente le tue e-mail diventeranno molto importanti per la tua lista che comincerà a vederti come un marchio chiave nel settore. Pensa seriamente alla strategia di automazione della posta elettronica che scegli perché può fare la differenza fondamentale nei risultati che ottieni.